Legal Weed

La Legalità della cannabis varia da paese a paese, dipendente dal suo possesso, distribuzione, coltivazioni, e (riguardante usi terapeutici) la modalità e il motivo di consumo. Per la prima volta la pianta fu vietata negli Stati Uniti (a partire dal 1937, con l'emanazione del Marijuana Tax Act, a firma del presidente Franklin Delano Roosevelt). Successivamente, la proibizione della pianta si estese a molti altri paesi soprattutto in Occidente. 

Da qualche tempo a questa parte si sta assistendo a una progressiva liberalizzazione della Cannabis. Il Canada è stato l'ultimo paese in ordine di tempo (e il secondo tra quelli del G7) a legalizzare il consumo di marijuana anche a scopo ricreativo, dunque slegato dagli impieghi terapeutici.

Il primato del primo stato al mondo a legalizzare la produzione, la vendita e il consumo è stato l'Uruguay, nel 2013. Nel frattempo diversi stati Usa ne hanno permesso l'uso ricreativo e 30 sono quelli in cui la cannabis è impiegata con scopi medici.

In Italia con l'entrata in vigore della legge 242/16 del 2 dicembre 2016 sulle disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa (Cannabis Sativa L .), che autorizza la semina di varietà certificate di Cannabis Sativa L . con limite di THC (Trtraidrocannabinolo) in campo non superiore allo 0,6%, si è registrato un vero e proprio BOOM della commercializzazione della cosiddetta "Cannabis Light"in quanto presenta una percentuale di THC inferiore al limite tollerato nella legge sugli stupefacenti (DPR 309/90) e alte percentuali di CBD (Cannabidiolo) altro cannabinoide non ritenuto illegale. 

 

https://it.m.wikipedia.org/wiki/legalità_della_cannabis

https://it.wikipedia.org/wiki/Cannabis

https://it.wikipedia.org/wiki/Marijuana

https://it.wikipedia.org/wiki/Cannabis_sativa

Cannabinoidi

I Cannabinoidi o Cannabinoli sono sostanze chimiche di origine naturale e biochimicamente classificati come Terpenofenoli. Sono composti accomunati dalla capacità di interagire con i recettori cannabinoidi.

Con il termine Fitocannabinoiodi (cannabinodi naturali) si identifica una famiglia di composti chimici presenti nella Cannabis sativa.

A tutt'oggi sono stati identificati una settantina di tali composti, molti dei quali ancora poco studiati. 

Qui sono riportati alcuni tra i piu importanti e conosciuti cannabinodi.

Thc

Il Tetraidrocannabinolo è il più noto principio attivo della cannabis sativa ed ha molteplici proprietà per scopi terapeutici come antidolorifico, antinausea, euforizzante, antiemetiche anticinetosico, stimolante dell'appetito, abbassa la pressione endoculare, capace anche di abbassare l'aggressività.

https://it.wikipedia.org/wiki/Delta-9-tetraidrocannabinolo

Cbd

Il Cannabidiolo è un metabolita non psicoattivo della Cannabis Sativa, ma ha effetti rilassanti, anticonvulsionanti, antinfiammatori, favorisce il sonno ed è distensivo contro ansia e panico https://it.wikipedia.org/wiki/Cannabidiolo

Cbn

Il Cannabinolo è molto affine al THC ma se paragonato ha deboli proprietà psicoattive. Non sono mai stati riscontrati effetti collaterali sul qualsiasi uso delle infiorescenze di cannabis light.

https://it.wikipedia.org/wiki/Cannabinolo